RSS Feed

Monthly Archives: April 2012

Bomba libera tutti

[…] con un bisogno d’attenzione e d’amore troppo “Se mi vuoi bene piangi” / per essere corrisposti […]

Centinaia d’anni, di poesie, letteratura, canzoni e libri, e nessuna definizione più azzeccata di questa; una manciata di parole per circoscrivere il masochismo emotivo di chi ha paura della felicità, e sente di doverla scontare col dolore. Le conoscete anche voi, persone così? Quelli che non è amore se non fa soffrire? Quelli che si infilano in storie senza uscita, ben sapendo che sarà un gioco al massacro? Read the rest of this entry

Advertisements

Forse ti ricordi

Ti ho praticamente costretto a guardarmi, ho dovuto costringere me stessa a farmi guardare; io, una ragazzina timida e clamorosamente inesperta appena ventenne e tu, già uomo, che portavi addosso cicatrici invisibili ma incancellabili. Ho passato sere infinite in camera tua, nel tuo letto, davanti alla tua televisione a guardare film di cui non ricordo neanche un fotogramma, perchè ero troppo occupata a concentrarmi sul fatto che eri lì, a cinque centimetri da me. E non mi toccavi, non mi sfioravi nemmeno, ma io ti sentivo con ogni terminazione dei miei nervi. Sentivo il calore della tua pelle, così vicino alla mia che quasi bruciava, e intuivo che per qualche motivo avevi paura di me. E poi eri così incredibilmente bello. La prima volta che ti ho visto mi hai fatto ridere, quando hai raggiunto i tuoi amici al ristorante, e c’ero anch’io. Tutti vestiti da ristorante, e  il tuo corpo che già intuivo perfetto, fasciato nella tuta da motociclista, i capelli sconvolti come sempre, una piccola Medusa nera come il carbone. Dopo settimane di film e birre e pasta aglio e olio e passeggiate tutti insieme, ho anche pensato che magari avevo frainteso, e mi capita di rado. Read the rest of this entry

%d bloggers like this: