RSS Feed

Il mio pensiero felice: #leaveamessage

[..] Sancho ascoltami, ti prego, sono stato anch’io un realista,
ma ormai oggi me ne frego e, anche se ho una buona vista,
l’apparenza delle cose come vedi non m’inganna,
preferisco le sorprese di quest’anima tiranna
che trasforma coi suoi trucchi la realtà che hai lì davanti,
ma ti apre nuovi occhi e ti accende i sentimenti. [..]
Francesco Guccini, Don Chisciotte 
 
Cari lettori (che fa molto Manzoni e “Promessi Sposi” e “Quel ramo del lago di Como che volge a mezzogiorno”) oggi ho un paio di importanti comunicazioni di servizio pe’vvoi. Siete pronti?
 
1. La settimana scorsa leggo da Chiara del #Leaveamessage Day. Vi rimando al suo post per la spiegazione di questa carinissima iniziativa, in collaborazione con Sigrid del Cavoletto di Bruxelles e Sonia di Trend & the city. Ve la riassumo: tempo di Natale, di buoni sentimenti, di ammore distribuito a piene mani. E ci sono poche cose che danno più soddisfazione dell’idea di regalare un sorriso gratis, di rallegrare la giornata a qualcuno anche solo per cinque minuti, di sapere che una persona cara, un perfetto sconosciuto, quel tizio carino dell’ufficio acquisti al terzo piano… va in giro come un ebete modello pubblicità del dentifricio grazie a te. L’idea è semplice: domani, ovunque voi siate – alla posta, al supermercato, in giro per le bancarelle di un mercatino natalizio – lasciate in bella vista un bigliettino con una frase carina scritta sopra. Vale solo se è un pensiero felice: impegnatevi! Forse non sarà mai ritrovato, magari la signora delle pulizie lo scambierà per carta straccia e lo butterà via. O magari, invece, cambierete la giornata a qualcuno che s’era svegliato malissimo, e gli verrà voglia di fare lo stesso e avrete innescato una catena di positività che non avreste nemmeno potuto immaginare. Bella idea, vero? Eh, infatti è quello che ho pensato anch’io. Però…
 

2. Però io oggi mi opero. Tra qualche ora sarò sotto i ferri (o meglio, sotto il laser) in mano a competentissimi – sperèm – chirurghi che metteranno fine a lustri e lustri di cecaggine e miopia. Se tutto va bene, riacquisterò i miei agognati 10/10 e non avrò bisogno degli occhiali mai più (cioè, almeno per un’altra quindicina d’anni, quando l’età si farà sentire e reclamerà prepotentemente quelli per leggere da vicino). Tra l’altro, oggi è Santa Lucia, protettrice della vista. Io l’ho preso come un buon presagio: con le infinite liste d’attesa degli ospedali pubblici fiorentini, fra tutte le date possibili, proprio questa…  Le mie amiche mi hanno gentilmente proposto un altro punto di vista (sic). Immaginatevi la scena – A cena, io discuto di questa coincidenza fortuita: “Dai, ragazze, bello! Il 13 per l’appunto è Santa Lucia, Santa Patrona blablabla, buon segno blablabla.” Attimo di silenzio. […] “Ehm… beh… ‘nsomma…” “Cosa? Che c’è?” “Senti, stiamo parlando di una che è morta vergine. E cieca.  Fai un po’ tu.” F. si è premurata di informarmi che nell’iconografia cattolica c’aveva pure gli occhi in mano, ‘sta poveraccia. In effetti ora sono molto più tranquilla. Ieri invece mi è arrivato questo sms: “Ti mando un enorme in bocca al lupo… finchè puoi leggerlo”. Io amo le mie amiche. Vabbè, dicevamo… io domani sarò per ovvie ragioni impossibilitata ad uscire di casa, però questa cosa del #leaveamessage è troppo carina per non partecipare attivamente…. E allora?

3. Allora ho deciso di fare un #leaveamessage Reloaded: ieri mi sono armata di abbondante colla vinilica, forbici, bigliettini, (scaricabili gratuitamente da Machedavvero, sono deliziosi) sacchettini di plastica per proteggere dalle intemperie i miei messaggi forieri di buoni sentimenti – a Firenze piove incessantemente da giorni –  e… palloncini! Avete presenti quelli gonfiati ad elio, col pesetto in fondo per evitare che volino via? Quelli. E quindi ho deciso che parteciperò al #leaveamessage Day dalla terrazza di camera mia, attaccando messaggi e pure link, nel caso in cui venissero ritrovati e i ritrovatori fossero così gentili da volere farmelo sapere – a proposito, per seguire “live” l’andamento bigliettofero della giornata, ricordatevi di fare un giretto su Twitter –  e poi… zac! Via il pesetto, i miei palloncini saranno liberi di volare, cercando una faccia triste da rallegrare, un passante immusonito da far sorridere, un bimbo da incuriosire col palloncino colorato e un genitore col messaggio. Domani, alzando gli occhi al cielo, incastrato tra le fronde di un alberello (o abbassandoli tra le grate di un tombino, chissà…) qualcuno troverà UN PENSIERO FELICE!

Che ne dite? Vi piace l’idea? Dai dai dai, partecipate anche voi! Spread the Love! 🙂

Diffondiamo tutti insieme una marea di pensieri felici!

Advertisements

3 responses »

  1. Sei una geniaccia del crimine!!! ;-D Un abbraccione Francy!!!! Andrà tutto ok! 😉

    Reply
  2. Pingback: #Leaveamessage 2012 – Spread the Love! « miparevastrano

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: